Perdersi nei canali del lago Inle, estasiarsi di fronte alla magnificenza della Roccia d’oro dopo una faticosa salita per raggiungerla, pedalare tra le pagode a Bagan o assistere ad uno spettacolo di marionette per capire meglio la tormentata storia birmana, sono solo alcune delle esperienze che si possono vivere in Birmania.

Prima di tutto preparatevi a camminare scalzi nei templi, a differenza di altri paesi asiatici dove basta togliersi le scarpe prima di entrare in un luogo sacro, in Birmania è fondamentale togliersi anche i calzini! Percorrere a piedi nudi la scalinata che porta al Monte Popa o alla Roccia rende il percorso ancora più mistico e unico, da non perdere!

La ex capitale Yangon merita di essere visitata a piedi. Dopo aver ammirato la maestosità di uno dei templi birmani più belli, la Shwedagon Pagoda, concedetevi una rilassante passeggiata: è uno dei modi migliori per conoscere Yangon, la sua gente, i suoi odori e la sua storia.

Fermata d’obbligo ad una Tea House per far due chiacchiere con i locali.

Lago Inle: Un pittoresco lago famoso per il villaggio galleggiate e i suoi giardini anch’essi galleggianti! La vita della comunità Intha si svolge interamente sull’acqua, le strade sono canali percorribili in barca. La comunità è ben organizzata con scuole, templi e pagode rigorosamente sull’acqua. Il lago è situato in una vallata tra due montagne e sembra di essere in un mondo completamente diverso dal resto della Birmania.

Viadotto Gokteik: Il viadotto ferroviario si trova tra Pyi-oo Lwin, città interessante per le architetture coloniali, e Hsipaw conosciuta per i percorsi trekking. È il ponte più alto della Birmania e, un tempo, era la ferrovia più grande del mondo. Oltre che il panorama visto da un’altezza impressionante anche la veduta dei villaggi che si scorgono durante il tragitto valgono la pena del viaggio.

U Bein Bridge: È il ponte più lungo e longevo del mondo. Eretto nel 1850 è fatto di legno di Tek ed è lungo 1,2 Km attraverso il Taungthaman Lake. Per ammirare il tramonto dal ponte dovrete sgomitare tra il numero sempre più crescente di turisti ma lo sforzo verrà ripagato dallo spettacolo!

Pindaya: La grotta di Pindaya è un sistema di varie grotte che contengono più di 8,000 statue di Buddha e altarini. Bellissima la vista che si scorge prima di entrare nella grotta.

Bagan: migliaia di templi, pagode e stupa situati in una vasta pianura di 40km. Consigliatissimo visitare il sito con bicicletta elettrica, una pedalata storica!

Monastero Monte Popa: Situato sulla cima di un vulcano spento il Monastero è uno dei luoghi più visitati del paese. Una salita di circa 800 scalini da percorrere a piedi nudi, circondati da statue dei Nat e da scimmiette che chiedono cibo. La vista che si gode dalla cima è imperdibile.