Capitale: Naypyidaw

Popolazione: 52,89 milioni (2016)

Fuso orario: + 5,30h rispetto all’Italia; + 4,30h quando in Italia vige l’ora legale.

Moneta Locale: Kyat: valuta non convertibile che ha corso legale solo in Myanmar e che va, quindi, utilizzata solo per spese locali. Comunemente usato il Dollaro Americano. 1 Euro = 1612 kyat

Passaporto: necessario con validità residua non inferiore a 6 mesi dalla scadenza

Visto d’ingresso: necessario, da richiedersi presso l’Ambasciata dell’Unione del Myanmar a Roma.

Villa Myanmar – Viale Cortina d’Ampezzo 50 00135 Roma.
Tel.: (06) 36.30.37.53 – 36.30.40.56 – Fax: (06) 36.29.85.66
Il visto turistico ha una validità di 28 giorni.

Il Myanmar si avvale di una  procedura online di richiesta di visto per turismo che consente l’ottenimento del medesimo direttamente presso gli aeroporti internazionali del Paese (Yangon, Mandalay, Nay Pyi Taw) e, a partire dal 1 settembre 2016, anche presso tre valichi di frontiera con la Thailandia (Tachileik, Myawaddy, Kawthaung).
La procedura  consente di far domanda di visto turistico della durata massima di 28 giorni e con entrata singola, previo pagamento del visto con carta di credito. Successivamente al pagamento viene trasmessa via email la relativa ricevuta, indispensabile per l’ottenimento del visto.

Per maggiori informazioni: www.evisa.moip.gov.mm

Ambasciata d’Italia a Yangon:
No. 3, Inya Myaing Road, Golden Valley, Yangon (Myanmar)
Tel.:     (00951) 52.71.00 – 52.71.01
Fax:    (00951) 51.45.65
Telefono cellulare di reperibilità del Funzionario di turno: 095419505 (dall’Italia 009595419505).
Indirizzo e-mail: ambyang.mail@esteri.it ;
Sito Internet:    www.ambyangon.esteri.it 

Formalità valutarie e doganali: è obbligatorio dichiarare, all’entrata ed all’uscita dal Paese, qualsiasi valuta straniera il cui ammontare superi o sia equivalente al valore di 10.000 Dollari USA. I bagagli dei viaggiatori possono essere sottoposti a controlli accurati.
Qualsiasi pubblicazione o materiale audiovisivo, considerato dalle Autorità locali di natura indecente o lesiva dell’interesse ed integrità del Paese , può essere sottoposto a sequestro.
E’ obbligatorio dichiarare all’arrivo il possesso di eventuali gioielli (anelli, bracciali, collane, etc.) indicandone il valore.
Gli inadempienti potrebbero, al momento della partenza, essere sospettati di esportazione illegale di preziosi.
E’ illegale l’esportazione di oggetti di culto, di antiquariato e frammenti di monumenti.

Telefonia: la rete telefonica locale  all’interno del Paese e’ obsoleta e spesso i collegamenti sono difficoltosi.  Dalla fine del 2014 e’ stato attivato il GSM International Roaming.  Tuttavia l’utilizzo di sim card provenienti dall’estero resta difficoltoso a causa del malfunzionamento del sistema di roaming internazionale. I telefoni italiano sono comunque utilizzabili con sim card acquistate in Myanmar. E’ proibita l’importazione e l’utilizzo di telefoni satellitari.
I costi di una telefonata internazionale sono molto alti. E’ bene informarsi sulle tariffe prima di effettuare una chiamata internazionale o di inviare un messaggio e-mail.
Le connessioni Internet, benché alquanto lente e spesso inaffidabili,  sono ora disponibili nei principali alberghi ed Internet Cafés. E’ possibile prendere in affitto, previo deposito a garanzia, carte telefoniche con o senza i telefoni cellulari presso gli sportelli presenti in aeroporto.

Il prefisso internazionale per il Myanmar è lo 0095 seguito dall’indicativo della città e dal numero dell’abbonato.

Elettricità: la corrente elettrica è a 230v con frequenza di 50Hz. Si consiglia di munirsi di una pila elettrica in quanto i black out totali non sono rari- Si trovano prese sia con spinotti rotondi che di tipo inglese per cui è utile avere con se un adattatore universale.

Vaccinazioni: nessuna in particolare se provenienti dall’Italia

Trasporti: I mezzi di trasporto pubblici urbani, inclusi i taxi, sono obsoleti. Per i taxi, è bene stabilire chiaramente con i tassisti la destinazione e il prezzo. I veicoli sono generalmente privi di assicurazione e il rifornimento di carburante può risultare difficile. Sulle strade statali non è assicurata l’assistenza per le emergenze.

Foto e Video: È vietato fotografare postazioni militari ed aeroporti, così come è meglio non fotografare la gente che prega e i monaci. È consigliabile chiedere prima il permesso, per evitare possibili discussioni.

Mance: Le mance, ringraziamento tangibile di chi ha reso il servizio con cortesia e disponibilità, sono molto apprezzate.