Ci abbiamo sperato per mesi, continuavamo a dirci di pazientare che era solo questione di attendere un po’. Alla data di oggi, però, ancora non sappiamo quando potremo tornare nella nostra amata Asia. A noi manca tantissimo. E a voi?

Ci mancano i paesaggi mozzafiato, la varietà di popoli e culture e le squisite ricette locali, ma se ci chiedessero a bruciapelo “Cosa ti manca di più?” la prima risposta che ci salirebbe alle labbra sarebbe quasi certamente “la pace asiatica“. Quel silenzio carico di significati, rigenerante nella sua semplicità. Un tesoro prezioso per noi occidentali, sfiancati da una vita frenetica e spesso troppo rumorosa.

I luoghi in cui il silenzio va a braccetto con la spiritualità sono i templi e i monasteri buddhisti. Ma non potendo andare in Asia, dove possiamo vivere giornate all’insegna di silenzio e spiritualità buddhista?

Mettendo insieme luoghi da noi visitati e mete scovate nel web che ci ripromettiamo di visitare abbiamo messo insieme una lista di centri buddhisti nell’Italia centrale dove è possibile frequentare corsi di yoga, meditazione e cultura buddhista o veri e propri ritiri spirituali. Abbiamo scelto l’Italia centrale perché con il suo paesaggio dolce e i suoi deliziosi borghi medievali ci sembra una location adatta alla ricerca della pace. In attesa, ovviamente, di rivivere quella asiatica.

Attualmente, a causa delle restrizioni covid, non tutti i centri elencati qui sotto sono in grado di organizzare eventi e corsi in presenza. Val la pena però segnarsi i nomi e andare a curiosare sui loro siti di tanto in tanto per vedere cosa c’è di nuovo e partire subito alla prima occasione possibile! Nell’attesa si possono frequentare corsi online.

Istituto Lama Tzong Khapa a Pomaia, Toscana

In provincia di Pisa esiste un piccolo Tibet. È l’Istituto Lama Tzong Khapa è uno dei più grandi centri di buddhismo tibetano in Europa, meta di ritiri e incontri interessanti. L’abbiamo frequentato in un paio di occasioni e possiamo confermare che si respira davvero un’aria ” asiatica”.

Il centro ha sede a Pomaia, una frazione di Santa Luce, un comune a una trentina di chilometri dal centro di Pisa. È un piccolo borgo sulle colline, a poca distanza dal mare, immerso in un dolce paesaggio che invita al relax. Un contesto ideale per rallentare il ritmo delle proprie giornate e imparare a vivere in armonia con sé stessi e con gli altri.

Questo centro internazionale, aperto a tutti, si fonda sul buddhismo tibetano di tradizione mahayana e tramanda gli insegnamenti del Buddha Shakyamuni. Le attività proposte comprendono ritiri spirituali, corsi, workshop e eventi di diversa durata.

Gli argomenti spaziano dai fondamenti teorici del buddhismo tibetano alla medicina tradizionale tibetana passando per il counseling, lo yoga e altri temi affini, tutti volti a promuovere la gentilezza, la compassione e la saggezza.

Il Centro comprende un sangha (termine sancrito che potremmo tradurre con “comunità”) monastico e un sangha laico, più una residenza aperta agli ospiti saltuari frequentare un corso o un ritiro spirituale. Nei mesi primaverili ed estivi è anche aperto un grazioso giardino del tè: un angolo di pace immerso nel verde dove gustare tisane, infusi e té da tutto il mondo.

Per informazioni: www.iltk.org

Merigar a Arcidosso, Toscana

Per fare un’altra scorpacciata di cultura tibetana non serve uscire dalla Toscana. Nel comune di Arcidosso, in provincia di Grosseto, si trova il gar Dzogchen di Merigar West. “Merigar” significa “residenza della montagna di fuoco”, un nome evocativo per un luogo adagiato sulle pendici di un monte dove si respira tanta pace, ma anche una grande energia rigenerante. Stupa, statue del Buddha, pace e tranquillità… per un po’ ci si sente in Asia!

La figura di riferimento della comunità Dzogchen internazionale, Merigar compreso, è Chögyal Namkhai Norbu, studioso e maestro spirituale che fu riconosciuto come reincarnazione ddi Dzogchen Adzom Drugpa. Stabilitosi in Italia, divenne insegnante di professore e lingua tibetana all’università di Napoli e negli anni Settanta iniziò a tenere corsi di yantra yoga, lo yoga tibetano del movimento.

I centri Dzogchen sono luoghi che promuovono la pratica della consapevolezza, il rispetto, l’arricchimento spirituale e l’armonia.

Presso Merigar West è possibile frequentare corsi ed eventi di cultura tibetana, yantra yoga, danza del vajra (meditazione in movimento), danze khaita (danze gioiose di gruppo), meeditazione e crescita personale. Alcuni corsi sono aperti a tutti, altre invece sono riservati ai praticanti che hanno ricevuto insegnamenti da Chögyal Namkhai Norbu.

Il complesso comprende una casa/segreteria, un tempio, stupa sparsi nel verde e la sala del mandala che comprende uno spazio per eventi e una ricchissima biblioteca. È presente anche un cinerario ornato con mantra dipinti in oro zecchino, argento, rame, ferro e bronzo. Periodicamente vengono organizzate visite guidate a cura dei volontari del centro: in queste occasioni è possibile entrare all’interno delle strutture anche se non si frequentano corsi o attività.

Dalla collaborazione del centro con il comune di Arcidosso è nato un piccolo ma interessante Museo di Arte e Cultura Orientale.

Per informazioni: www.merigar.it

Centro Avolokita a Villa Rossi di Castelli, Abruzzo

Spostiamoci in provincia di Teramo per visitare l’unico centro italiano dedicato agli insegnamenti del monaco vietnamita Thich Nhat Hanh (spesso indicato semplicemente come Thay, maestro), nato su suo esplicito invito.

Parliamo del Centro Avolokita, un centro di meditazione e vita consapevole che ricalca l’esempio del Plum Village, la comunità monastica creata dal Thay a Bordeaux all’inizio degli anni Ottanta. Da piccola comunità agricola Plum Village è diventato uno dei più grandi monasteri buddhisti in Europa, con oltre 200 monaci e praticanti stabilmente residenti, a cui si aggiungono ogni anno migliaia di ospiti da tutto il mondo.

Avalokita è un centro laico. Sorge a Villa Rossi di Castelli, un borgo ai piedi del massiccio del Gran Sasso. Non può vantare la grandiosità di Plum Village, ma è un punto di riferimento per chi vuole vivere in armonia e semplcitià e aumentare la propria consapevolezza personale. Organizza corsi e ritiri di diversa durata.

Per informazioni: www.avalokita.it

Centro Ananda ad Assisi, Umbria

La spiritualità è di casa ad Assisi, una delle principali mete di turismo religioso in Italia. Con buon pace del povero Francesco, che forse non amerebbe molto i torpedoni degli autobus turismi e le comitive da 50 e passa persone che affollano la sua cittadina d’origine e accalcano i negozi di souvenir.

Una visita ad Assisi è però d’obbligo: indubbiamente è uno dei borghi più belli d’Italia ed è ricco di capolavori artistici che meritano di essere ammirati. Visitatela la mattina presto, prima che arrivino le folle, poi salite in macchina e andate a cercare un po’ di pace asiatica una quindicina di km più in là presso la sede di Ananda.

Il Centro Ananda di Assisi tramanda gli insegnamenti del Kriya Yoga e della realizzazione del Sé arrivati nel mondo occidentali con il libro “Autobiografia di uno yogi” del maestro Paramhnsa Yogananda, un testo ormai diventato un classico della spiritualità.

Ananda è una rete di comunità spirituali fondata a fine degli anni Sessanta del Novecento da un discepolo di Yogananda; il centro di Assisi è nato quasi vent’anni dopo e oggi conta circa 80 membri residenti. La comunità è attivissima e in tempi pre-covid venivano organizzati anche 4-5 diversi corsi ed eventi a weekend.

Dal seminario di poche ore ai corsi annuali per insegnanti, Yogananda propone un ricchissimo calendario di attività su temi come meditazione, filosofia, yoga, crescita personale, autoguarigione, counseling, cucina vegetariana e vegana.

Per informazioni:  www.ananda.it