La Birmania è uno dei paesi asiatici più curiosi da visitare! Viaggiando in Birmania infatti si ha la possibilità di imbattersi in bizzarre tradizioni e situazioni: camerieri che accorrono a suon di baci, auto con comandi a destra e guida a destra, settimane da otto giorni…

Ecco alcune curiosità sulla Birmania che speriamo vi facciano venir voglia di conoscere meglio questo paese ancora misterioso!

Un paese del sud est asiatico senza moto

Una delle prime cose che salta subito agli occhi è la quasi assenza di moto a Yangon. Chi ha viaggiato nel sud est asiatico sa che le città sono spesso congestionate dalle due ruote, il mezzo preferito per il trasporto di persone e merci.

Qui invece le moto sono state dichiarate illegali, pare da un giorno all’altro, da un generale che si arrabbiò non poco quando la sua auto fu urtata da uno sfortunato nonché maldestro motociclista. Da allora chi ha un po’ di soldi si compra un’auto mentre gli altri si spostano a piedi o in bus!

Auto con comandi a destra e guida… a destra!

Un retaggio del periodo coloniale britannico in Birmania è il parco macchine con i comandi a destra. Non ci sarebbe niente di strano, se non fosse che la guida, anziché essere a sinistra come nel Regno Unito, è… a destra. Immaginatevi la difficoltà nei sorpassi!

Questa curiosa situazione si deve ad una repentina decisione (si dice sai stata dettata dal suggerimento di una cartomante) presa durante il governo del generale Nay Win che ha imposto il cambio del senso di circolazione. La decisione è stata talmente repentina che non c’è stato tempo sufficiente per adattare il parco vetture e ad oggi la maggior parte delle auto resta con i comandi a destra.

Qual è la capitale della Birmania?

In molti pensano che la capitale della Birmania sia Yangon e invece non è così. Dal 2005 è Nay Pyi Taw, città poco conosciuta e poco visitata.

Yangon è ancora oggi la più grande città birmana ma il governo decise di costruire una città a 300km a nord e farla diventare la capitale. L’investimento per muovere la capitale costruendo una nuova città è costato parecchio denaro che poteva essere utilizzato per aiutare la popolazione più indigente, inoltre gli uffici governativi situati a Yangon sono rimasti vuoti e lasciati a sé stessi.

Thanaka il cosmetico più usato

Il Thanaka è una pasta dalle tonalità beige/giallo che quasi tutte le donne usano e applicano sul viso. Lo vedrete spesso sui volti delle donne: alcune lo usano sulle guance in forma circolare altre invece creano dei curiosi disegni.

Questo cosmetico è un segno distintivo della popolazione femminile del Myanmar ed è usato non solo come make up ma anche per proteggere la pelle dal sole.

Un bacio per il cameriere

Non vi meravigliate se trovandovi in un ristorante sentite dei rumori che ricordano il suono di un bacio tipico dello schioccare delle labbra: è così che in Birmania si attira l’attenzione dei camerieri.

Usare la mano è considerato molto maleducato quindi se volete ordinare non resta che fare schioccare le labbra due o tre volte e il cameriere accorrerà al suono dei vostri baci!

Gli uomini indossano il Longyis

Il Longyis è un indumento simile al sarong utilizzato dagli uomini birmani. La differenza tra i due indumenti è solo nel taglio. Gli uomini lo indossano facendo un grosso nodo nella parte frontale mentre le donne tendono ad indossarlo e chiuderlo come fosse una gonna. Cravatta e Longyis è il dress code dell’uomo elegante birmano!

I giorni della settimana sono 8

Secondo l’astronomia birmana, vi sono 8 giorni in una settimana: l’ottavo è ricavato dividendo mercoledì in mattino e sera. Dunque la settimana birmana è così strutturata: Domenica- Lunedi- martedì- mercoledì mattina- mercoledì sera- giovedì- venerdì- sabato.

Le pagode, secondo la tradizione del buddhismo Theravada, hanno come base una piattaforma che ha 8 angoli, quanti sono i giorni della settimana; ad ogni angolo, è posto un piccolo altare caratterizzato dal segno astrologico del giorno. Per scoprire il proprio giorno della settimana nell’anno in cui si è nati si possono consultare degli speciali calendari.

Lo Zartar (dati astrologici)

Un documento molto importante nella vita di un uomo o una donna birmani è lo Zartar, che riporta dati quali giorno, data e ora di nascita, nome dei genitori e nome assegnato dall’astrologo. Questa mappa astrologica è utilizzata anche per eventi, matrimoni, e addirittura progetti e costruzioni… non solo persone! È scritto su foglia di banana ma anche su molti altri materiali, compreso l’oro.

Secondo i birmani, i dati della nascita hanno grande influenza sul destino di ogni individuo e sulla sua personalità, compreso il successo del matrimonio. Sono considerati così importanti che vengono assegnati nomi specifici da aggiungere al proprio nome per rendere chiaro il giorno di nascita.

Longyis abito tradizionale birmano