Il Ladakh è una della più avvincenti destinazioni dell’intero Himalaya. La cordialità della gente e la vivacità delle tradizioni e della cultura buddista tramandate da intere generazioni contribuiscono a regalare esperienze e sensazioni davvero indimenticabili. A questo si aggiungono panorami mozzafiati e luoghi pervasi da spiritualità e suggestione.

Chiudete gli occhi e provate a immaginare picchi di montagne selvagge, desolati scenari di rocce dai colori incredibili, il corso del fiume Indo che accarezza piccole oasi verdeggianti, una strada a oltre 5000 metri d’altezza, monasteri che sembrano aggrappati alle montagne. Quel che ora è solo una fantasia diventa realtà durante un viaggio in Ladakh.

Per apprezzare al meglio quest’incantevole zona dell’India settentrionale abbiamo ideato l’itinerario Incredibile Ladakh, un viaggio dal ritmo lento studiato per ridurre al minimo i fastidi causati dall’altitudine e per dare tempo al corpo e allo spirito di entrare in un paesaggio e in una cultura distanti dalla nostra realtà quotidiana.

Le tappe dell’itinerario

Il viaggio Incredibile Ladakh inizia e finisce a Delhi. Nel mezzo tante tappe per visitare alcuni tra i più bei monasteri buddisti di tutto l’Himalaya, due laghi incantevoli, strade ad altezze vertiginose, caratteristici villaggi e altro ancora.

Qui di seguito trovate le tappe principali dell’itinerario Incredibile Ladakh. Per il programma di viaggio dettagliato contattateci.

Leh

Il viaggio inizia e si conclude a Delhi, da dove prenderemo un breve volo interno per Leh, una piccola città di 30.000 abitanti che rappresenta il centro principale del Ladakh.

Il primo giorno ce lo prendiamo di relax e lo usiamo per acclimatarci: Leh è situata a 3500 metri di altezza e l’altitudine inizia a farsi sentire già scesi dall’aereo. Non vi preoccupate: basta fare una breve passeggiata seguita da un riposino per ridurre gli effetti collaterali dell’altitudine. A far passare il mal di testa ci penserà la bellezza del panorama circostante!

Il giorno seguente è dedicato all’esplorazione dei dintorni di Leh con la visita dei monasteri di Thikse e Chemrey; quest’ultimo è particolarmente affascinante grazie alla sua eccezionale posizione scenografica! Non c’è due senza tre: visiteremo anche il monastero di Hemis, famoso per il festival in onore di Padmasambhava (Guru Rimpoche) che si tiene ogni anno in giugno.

Alchi

Il viaggio prosegue verso Alchi con sosta al monastero di Phyang che domina la valle al di sopra delle coltivazioni di orzo. La strada poi sale, costeggiando montagne segnate dal tempo che si innalzano maestose ai lati del fiume Indo, che in questo punto si fonde con lo Zangskar. Seguirà una visita alla serena oasi di Likir, dominata dal suo scenografico monastero. Qui potrete ammirare la gigantesca statua dorata di Maitreya.

Il nostro viaggio prosegue lungo una stretta gola fino a raggiungere il monastero di Ridzon e successivamente si arriva a quello che è il più scenografico monastero del Ladakh: il Yungdrung. Incorniciato dalle montagne himalayane, è spettacolare da qualunque angolo lo si osservi; all’alba o al tramonto i colori del cielo aggiungono magia e suggestione a questa meraviglia creata dall’uomo in armonia con la natura.

Passo del Khardung

Dopo un breve rientro a Leh iniziamo ad affrontare la salita del Khardung, il passo stradale più alto del mondo: una strada a ben 5600 metri di altezza!. Man mano che si sale la vista su Leh e sulle montagne orlate di neve si allarga, regalandoci un panorama mozzafiato.

Giunti al passo non troveremo altro che bandiere di preghiera e un semplice locale dove bere un tè e fare le foto di rito, ma la soddisfazione e l’incredulità saranno tali da rendere questo momento davvero speciale!

Scendendo dall’altro versante entriamo nella valle di Nubra che comincia a svelarsi solo dopo aver superato gli appezzamenti coltivati del villaggio di Khardung. Anche qui avremo sullo sfondo selvagge montagne innevate e alla base il largo letto del fiume Shyok.

Gompa di Diskit

Procediamo verso il gompa di Diskit, il più grande e antico monastero della valle di Nubra. La sua posizione è straordinaria: dal tetto le viste sulla valle sono magnifiche. A fianco del monastero è stata recentemente costruita una grande statua di Maitreya Buddha.

Pochi chilometri oltre Diskit si trova il pacifico villaggio di Hunder, incastonato in un tratto di valle caratterizzato da ondulate dune sabbiose e solcato da pacifici cammelli.

Taglang La e lago Tso Kar

Seguiremo per un tratto il corso dell’Indo per poi salire al passo di Taglang La, un punto in cui il vento soffia sempre impetuoso. Scendendo sull’altro versante raggiungiamo un’ ampia valle coperta da radi prati sui quali pascolano greggi di pecore guidate da solitari pastori.

Lasciamo la strada per Manali e imbocchiamo una tranquilla valle fino a raggiungere le rive salate del lago Tso Kar. La zona è un santuario di fauna selvatica, in particolare marmotte, asini selvatici e una grande varietà di uccelli migratori. Passeggiare lungo il lago è una rilassante attività che risana mente e corpo: non ci faremo mancare una bella camminata!

Lago Tso Moriri

Proseguiamo lungo valli silenziose oltrepassando due alti passi ricoperti di sventolanti bandiere colorate e girando intorno a scure montagne con marmotte e placidi yak al pascolo per giungere al lago Tso Moriri. Ci attende uno spettacolo mozzafiato: le acque del lago dal colore blu zaffiro che si tingono di mille riflessi nelle diverse ore del giorno e il silenzio totale di una natura incontaminata. Potremmo farci mancare una seconda passeggiata lungo il lago? Naturalmente no.

Lasciato l’Incanto selvaggio dello Tso Moriri torniamo verso Leh percorrendo la strada che segue il corso dell’Indo e passando per il villaggio di Chumathang,  famoso per le sue sorgenti calde.

Itinerario in India Incredibile Ladakh, info pratiche

Come vivere al meglio il viaggio Incredibile Ladakh? Quand’è il periodo migliore per andare, con chi andare, quanto costa? Ecco tutte le informazioni utili.

Quando andare

Il periodo consigliato per effettuare questo viaggio va da maggio a settembre.

Con chi andare

Il viaggio è pensato per piccoli gruppi. Su richiesta può essere personalizzato per coppie o viaggiatori solitari.

Mezzi utilizzati

Gli spostamenti in India vengono effettuati con auto con autista e volo interno.

Sistemazione

Gli alloggi scelti sono piccoli hotel e lodge con servizi privati ma un po’ spartani: è richiesto spirito di adattamento. Un paio di notti si dormirà in campi tendati.

Cosa portare

È consigliato abbigliamento tecnico e caldo, in particolare scarponcini trekking e giacca antivento.

Quanto costa e come prenotare

Per conoscere l’itinerario dettaglio del viaggio in India “Incredibile Ladakh”, i costi e altre informazioni o per richiedere un preventivo personalizzato contattaci.