Una delle località più visitate del Vietnam è la cittadina di Sapa, un tempo tranquillo villaggio di montagna e oggi meta che attira trekkers da tutto il mondo. La sua fama è legata alle suggestive escursioni a piedi nei villaggi dei dintorni e ai colorati abiti delle minoranze etniche che vivono in zona.

Il fascino di Sapa è ancora intatto ed è senz’altro una destinazione che merita di essere inserita nell’itinerario di un primo viaggio in Vietnam. Il centro è quasi sempre affollato, soprattutto in coincidenza dell’arrivo e delle partenze dei minibus turistici, ma una volta messi in cammino il caos cittadino vi sembrerà un ricordo lontano. Di notte poi regna il silenzio.

Non si può negare però che Sapa sia un po’ inflazionata da un punto di vista turistico. Se preferite visitare località meno note vi proponiamo 5 valide alternative a Sapa per fare trekking nel Vietnam del nord: zone rurali o di montagna immerse in paesaggi naturali di una bellezza mozzafiato, solcate da una moltitudine di sentieri percorribili in sicurezza a piedi.

Come a Sapa (e forse più), avrete l’opportunità di ammirare caratteristici villaggi dove il tempo sembra essersi fermato e immergervi nella vita locale dormendo nelle homestay e facendo acquisti nei mercati tradizionali.

Attenzione: i sentieri nel Vietnam del nord non sono segnalati e in alcuni casi non è facile identificare il percorso da seguire: per questo motivo è bene affidarsi a una guida professionista.

Ricordiamo inoltre di vestirsi in maniera adeguata e di seguire le comuni pratiche di buon senso per un trekking in sicurezza (per queste vi rimandiamo al nostro articolo Come fare trekking in Asia).

Ha Giang

La più probabile candidata a “nuova Sapa” è la provincia di Ha Giang, una remota zona nel nord-ovest del Vietnam al confine con la Cina che vanta un paesaggio di incredibile bellezza, caratterizzato da alte montagne intercalate da gole e burroni e da un suggestivo altopiano (Dong Van Karst). Chi ha avuto la fortuna di visitarli definisce Ha Giang la più bella zona trekking del Vietnam.

Fatta eccezione per i motociclisti che percorrono il Dong Van Loop, finora i turisti hanno snobbato Ha Giang perché lontana e difficile da raggiungere; inoltre per entrare in zona è necessario un permesso da acquistare presso l’ufficio immigrazione.

Le cose potrebbero presto cambiare perché si sta spargendo la voce sulla bellezza mozzafiato di questi luoghi: visitateli finché ancora si può godere l’atmosfera autentica dei villaggi non toccati dal turismo di massa e il silenzio di zone remote e selvagge.

Una base ideale per esplorare a piedi la regione di Ha Giang è Dong Van, da cui partono splendide escursioni nei villaggi vicini. La cittadina in sé non si può definire incantevole, ma merita ugualmente una visita per il suo mercato domenicale e il grazioso quartiere storico. Bellissima è anche una casa coloniale con una storia di oltre cent’anni, sapientemente restaurata e trasformata (purtroppo o per fortuna?) in un’eccentrica caffetteria.

Mu Cang Chai

Se per voi trekking in Vietnam è sinonimo di passeggiate in mezzo a terrazze coltivate a riso allora vi consigliamo Mu Cang Chai, una zona rurale nella regione di Yen Bai. Stretta tra Van Ban e Lao Cai, sorge ai piedi delle montagne Hoang Lien ad un’altezza di circa 1000 metri ed è quasi interamente coltivata.

Con oltre 500 ettari di terrazze di riso, Mu Cang Chai è una meta ideale per gli appassionati di natura e fotografia. Davanti a vostri occhi si presenterà una distesa verde brillante o giallo paglierino a seconda del periodo dell’anno.

Camminare tra le terrazze di riso di Mu Cang Chai è un trekking facile e rilassante, ma altamente suggestivo.

Ba Vi National Park

Se avete poco tempo a disposizione o non volete avventurarvi in zone lontane potete fare come gli abitanti di Hanoi: cercate un po’ di fresco e belle passeggiate nel Parco Nazionale Ba Vi, a soli 65 km dalla città. È il più piccolo parco nazionale del Vietnam, ma questo non lo rende meno interessante.

Molto affollato nel weekend, durante la settimana è un’oasi verde silenziosa con buone opportunità di trekking lungo le foreste che crescono sulle pendici del monte a tre punte Ba Vi, di formazione calcarea.

Da Bac e Y Ti

Al trekking volete abbinare un’esperienza culturale a contatto con le minoranze etniche? Da Bac è la meta giusta per voi. Le popolazioni locali hanno dato vita al Da Bac Community-Based Tourism, un progetto che ha dato vita ad un turismo gestito dalla gente del posto.

Potrete dormire e mangiare nelle loro case e anche provare il rilassante bagno alle erbe dalle miracolose proprietà curative: proprio quel che ci vuole dopo una giornata di camminate nei splendidi dintorni dei villaggi.

Qualcosa di simile sta accadendo a Y Ti, un villaggio nella remota provincia di Bat Xat dove alcune ONG si sono adoperate per lo sviluppo di un turismo sostenibile che aiuti l’economia locale.

La zona è molto pittoresca, immersa in paesaggi incantevoli puntellati da minuscoli villaggi. Poiché si trova ad alta quota, durante le vostre camminate avrete la sensazione di poter rincorrere le nuvole per acciuffarle. Spoiler: non ci riuscirete, ma porterete a casa foto meravigliose.

Phong Nha-Ke Bang National Park

Il parco nazionale di Phong Nha-Ke Bang è un vero paradiso per gli amanti di attività all’aria aperta come trekking, bici, kayak, canyoning ma anche per chi ama il buio sottoterra. Qui si trovano le più antiche montagne carsiche di tutta l’Asia, con il loro complesso sistema di grotte e fiumi sotterranei che comprende anche la grotta più grande al mondo finora esplorata (Son Doong).

Le grotte si estendono per decine di chilometri, ma giusto un paio si possono visitare con un tour organizzato: un’attività che sta diventando sempre più popolare.

In superficie si estende una fitta giungla tropicale abitata da una ricchissima varietà di specie vegetali e animali, comprese alcune molto rare.

Se a un trekking impegnativo preferite una rilassante passeggiata nel verde potete seguire il Nuoc Mooc Eco-trail, un sistema di passerelle in legno che si sviluppa parallelamente a un fiume fino ad una confluenza. Qui potrete fare una sosta per un tuffo in acque cristalline ammirando lo spettacolo delle montagne carsiche attorno a voi.