Ci sono paesi asiatici, come l’India e il Giappone, che vengono immediatamente associati al treno. Per motivi completamente diversi, un viaggio in treno in India e in Giappone sono un’esperienza che molti viaggiatori vogliono inserire nella lista di cose da fare.

Sovraffollati e caotici, i treni indiani permettono di entrare completamente nello stile di vita indiano, lontano anni luce da quello occidentale; veloci ed efficientissimi, i treni giapponesi regalano l’emozione dell’ultramodernità e della perfezione tecnologica che contraddistingue il Giappone.

Ma come sono i treni degli altri paesi asiatici? Anzi, ci sono i treni nel sud dell’Asia?

Beh sì, ci sono… ma non dappertutto.

Ecco una mini guida al viaggiare in treno nel sud dell’Asia, con informazioni pratiche sui paesi che conosciamo meglio: India, Vietnam, Indonesia, Cambogia, Thailandia, Birmania, Laos e Nepal.

vecchio treno birmania

Perché viaggiare in treno in Asia

Prima di passare alle informazioni pratiche, vorremmo spendere due parole sul perché secondo noi val la pena scegliere il treno come mezzo di trasporto durante un viaggio in Asia.

Il motivo per cui noi amiamo il treno è semplice: è perfettamente in linea con la nostra filosofia del “viaggiare con lentezza”, a contatto con le popolazioni locali. A differenza dei bus turistici, pensati su misura per gli occidentali abituati al comfort, i mezzi pubblici ed in particolare il treno vi danno la possibilità di vivere come una persona del posto.

Nel treno sarete costretti a condividere spazi angusti con altre persone e avrete modo di osservare i loro comportamenti, talvolta bizzarri agli occhi di noi occidentali. Vi sorprenderete di quanti bagagli gli asiatici riescano a fare entrare in un angusto scompartimento, vi delizierete di profumi di cibo e spezie… qualche volta vi toccherà pure qualche odore meno piacevole, ma anche questo fa parte dell’esperienza.

Sonnacchiose o fragorose, le stazioni ferroviarie in Asia sono un affascinante spaccato di vita reale.

Viaggiare in treno in Vietnam

Un altro paese asiatico molto affascinante per chi ama viaggiare in treno è il Vietnam, dove è possibile fare tre bei viaggi con partenza da Hanoi di cui vi abbiamo già parlato in un articolo precedente.

L’intero paese è attraversato da nord a sud dai binari del Reunification Express, lo storico treno collega Hanoi, attuale capitale del paese, a  Ho Chi Minh City (Saigon), ex capitale del Vietnam del Sud, percorrendo più di 1000 km in 34 ore di viaggio.

Potete usare il Reunification Express come mezzo per spostarvi da una località all’altra di vostro interesse (ferma a Ninh Binh, Thanh Hoa, Vinh, Dong Hoi, Hue, Danang, Quang Ngai, Diueu Tri, Nha Trang, Binh Thuan) oppure decidere di fare un unico lungo viaggio da nord o sud o da sud a nord.

Il viaggio in treno da Hanoi a Saigon (o viceversa) ha un profondo significato simbolico se considerate la storia del Reunification Express, a sua volta profondamente legata alle vicende storiche del Vietnam. Questa linea ferroviaria fu completata dai francesi nel 1936 e rimase in funzione fino al 1954, anno in cui il paese venne diviso in Vietnam del Nord e Vietnam del Sud. Tornò a funzionare nel 1976 in seguito alla riunificazione del paese, da cui il nome con cui comunemente viene chiamato nelle guide turistiche.

Ricordate però che Reunification Express non è il nome ufficiale! I treni che viaggiano da Hanoi a Saigon (e viceversa) sono indicati nelle stazioni e negli orari ufficiali con le sigle SE1, SE2, SE3, SE4, SE5, SE6, SE7, SE8, SE9, SE10, SE19, SE20, SE21, SE22, SE23, SE24, SNT1, SNT2, SPT1/2, PT3/4.

Da Hanoi potete raggiungere in treno anche Hoi An, Halong Bay, Lao Cai (dove è possibile prendere il mininus per Sapa) e Haiphong (dove potete prendere la nave per l’isola di Cat Ba).

I treni in Vietnam generalmente sono puliti e confortevoli, anche se un po’ malconci per gli standard occidentali. Ad alcuni treni vengono aggiunte carrozze private molto più lussuose, pensate per il comfort dei turisti: noi le sconsigliamo perché scegliendo queste carrozze lusso finite per privarvi di una delle componenti fondamentali del viaggio in treno, ovvero il contatto con le popolazioni locali.

Il sito ufficiale delle ferrovie vietnamiti è www.vr.com.vn. Attenzione a siti dai nomi ingannevoli che incorporano nel loro url le parole vietnam e railways (ferrovie): si tratta di siti di agenzie private.

Le ferrovie offrono la possibilità di acquistare i biglietti online sul sito di vendita ufficiale www.dsvn.vn., ma le carte di credito straniere vengono quasi sempre rifiutate. Potete però fare la vostra prenotazione e poi ritirare i biglietti in stazione. In alternativa potete acquistare i biglietti tramite siti di vendita online e agenzie di viaggio oppure in stazione.

La prenotazione è obbligatoria ed è bene farla per tempo se fate un viaggio a lunga percorrenza, soprattutto nei periodi di alta stagione (in particolare durante il Tet, il capodanno vietnamita). Se non avete necessità di viaggiare in una data particolare e siete flessibili sul tipo di treno e di cuccetta potete anche acquistare il vostro biglietto senza largo anticipo.

Viaggiare in treno in Indonesia

È possibile viaggiare in treno in Indonesia? Sì e no. Esiste una rete ferroviaria a Java e a Sumatra, mentre a Bali e in altre isole principali no.

La rete di ferroviaria di Java copre tutte l’isola, collegando le città e i porti principali, da cui è possibile prendere un traghetto per altre isole. I treni sono economici, confortevoli e affidabili.

Le principali tratte ferroviarie a Java sono:

  • Jakarta-Surabaya
  • Jakarta-Bandung
  • Jakarta-Yogyakarta
  • Yogyakarta-Solo
  • Bandung-Surabaya
  • Surabaya-Banyuwangi

A Sumatra invece ci sono solo un paio di treni che coprono la tratta Bandar Lampung-Palembang.

In teoria è possibile prenotare i biglietti dei treni online, ma il sito di prenotazioni ufficiale delle ferrovie indonesiane non è tradotto in inglese e non accetta carte di credito straniere… in pratica quindi è impossibile.

Dovrete necessariamente affidarvi a un sito di prenotazioni privato o ad un’agenzia viaggi, oppure comprare il biglietto direttamente sul posto. In genere non è necessario prenotare.

Viaggiare in treno in Cambogia

Non ci sono molte possibilità di fare viaggi in treno in Cambogia ma forse proprio per questo l’esperienza assume un fascino ancor più esotico.

I treni in Cambogia esistevano, ma le vicende storiche li avevano ridotti a specie in via di estinzione. L’ultimo treno rimasto in funzione, da Battambang a Phnom Penh, cessò di operare nel 2009 e fino al 2016 all’interno della Cambogia ci si poteva spostare solo in autobus.

Nonostante complicate vicende di concessioni statali, dal 2018 è di nuovo in funzione una linea ferroviaria cambogiana che collega Phnom Penh a Poipet, con fermate a Pursat, Battambang, Sisophon.

La compagnia che gestisce questo servizio è la Royal Railways e potete seguire gli sviluppi delle vicende di questo treno sul loro sito ufficiale: http://royal-railway.com

Al momento non è possibile acquistare i biglietti online.

binari treno

Viaggiare in treno in Thailandia

Gli autobus a lunga percorrenza sono l’emblema del turismo low budget in Thailandia, ma lo sapete che questo paese vanta un’efficiente rete ferroviaria?

Viaggiare in treno in Thailandia è economico, sicuro e confortevole ed è una piacevolissima alternativa ai bus turistici. Il treno è sicuramente il mezzo migliore per raggiungere alcune località turistiche molto amate, ad esempio Chang Mai, ma è anche un mezzo più affascinante dell’aereo per solcare i confini nazionali e raggiungere i paesi limitrofi.

Ecco alcune località raggiungibili in treno da Bangkok:

  • Chang Mai
  • Pattaya
  • Ayutthaya
  • Ubon Ratchathani
  • Hua Hin, Chumphon, Surat Thani, Hat Yai, Sungai Kolok

Con una combinazione treno+traghetto si possono raggiungere le isole di Koh Tao, Koh Samui, Koh Phangan, Phuket, Phi Phi mentre per raggiungere Krabi, Sukhothai e Chiang Rai avrete bisogno di prendere un treno e un autobus.

I treni thailandesi sono puliti e confortevoli anche per gli standard occidentali, e questo vale anche per le carrozze di terza classe quindi tenetele in considerazione per viaggi di breve durata (vi faranno risparmiare un bel po’!).

La seconda classe è la scelta che vi consigliamo per viaggi lunghi perché vi consente un po’ di comfort in più pur rimanendo decisamente economica e vi permette di scambiare qualche chiacchiera con la gente del posto. La prima classe è decisamente confortevole ma ne perdete in occasioni di incontri e chiacchiere.

Alcuni treni sono dotati di aria condizionata, altri no (può dipendere anche dalla classe in cui viaggiate).

La prenotazione è obbligatoria ad esclusione di alcuni viaggi di breve durata, ma si può fare il giorno stesso della partenza. È consigliabile farla in anticipo solo se desiderate viaggiare in una data specifica e in un tipo di treno ben preciso o se viaggiate in periodi di alta stagione (dal 30 dicembre al 3 dicembre o durante il Capodanno Thailandese, le cui date variano ma in genere si tiene tra l’11 e il 16 aprile).

Si può prenotare a partire da 90 o 30 giorni prima della partenza, a seconda della lunghezza del viaggio; per viaggi di breve durata è possibile acquistare il biglietto soltanto a partire dal giorno prima.

Se volete acquistare il biglietto in anticipo potete provare il sito di prenotazioni ufficiale delle ferrovie thailandesi ( www.thairailwayticket.com) oppure rivolgervi ad agenzie private.

Se invece acquistate il biglietto in stazione, ricordate che dovrete fare la prenotazione al booking office (esclusi alcuni treni locali) e che molto probabilmente vi verrà richiesto il passaporto.

Viaggiare in treno in Birmania

Viaggiare in treno in Birmania è quasi sempre un’avventura: i treni sono lenti, malconci e spesso pure senza finestrini. Forse non saranno il massimo del comfort ma potrete scattare bellissime fotografie e pure godervi la gioia del vento in faccia (attenzione a non esporvi troppo!).

Il discorso cambia se prendere il treno espresso che copre la tratta Rangoon-Mandalay: in questo caso i treni sono in condizioni migliori, puliti e viaggiano ad una velocità accettabile.

Alcune località raggiungibili in treno da Rangoon sono: Bago, Mandalay, Bagan, Shwenyaung (per il Lago Inle), Pyay, Lashio. Molte di queste località si possono raggiungere in treno anche da Mandalay. Nel tragitto da Lashio a Mandalay attraverserete il famoso viadotto Gokteik, il ponte più alto del paese nonché una delle attrazioni turistiche più famose della Birmania.

E non perdetevi un giro sul treno circolare di Yangon: provate l’emozione di ammirare la città da un treno in corsa!

Un viaggio in treno in Birmania ha un fascino d’altri tempi come in pochi altri paesi al mondo. Basti pensare che le prenotazioni ancora non sono computerizzate, vengono scritte a mano dal personale delle stazioni (così come i biglietti). Questo significa che si può prenotare solo andando di persona alla stazione di partenza, ma non preoccupatevi perché in genere i treni non registrano il tutto esaurito.

Se non vi fidate e volete acquistare in anticipo, potete sempre rivolgervi ad agenzie online o locali.

treno birmania

Viaggiare in treno in Nepal e in Laos

Abbiamo lasciato per ultimi Nepal e Laos per un motivo preciso: non è possibile viaggiare in treno in questi due paesi perché non sono dotati di reti ferroviarie 🙁

Per spostarvi all’interno di Nepal e Laos dovrete servirvi di aerei, autobus o mezzi privati a seconda della vostra destinazione e di quanto volete spendere.